Sustainable Economy Forum

5 febbraio 2018

Sustainable Economy Forum

La Comunità di San Patrignano e Confindustria lanciano il Forum dell’Economia Sostenibile.

Questo evento internazionale vuol essere una due giorni di discussione, riflessione e scambio di esperienze fra eminenti imprenditori, economisti, politici, attori sociali, intellettuali, ricercatori: lo scopo è quello di offrire soluzioni durature alle più importanti sfide globali.

La prospettiva fondamentale scelta è quella della sostenibilità e della responsabilità che sono anche parole chiave dei due giorni di dibattiti.

Tale prospettiva nasce dai risultati dell’agenda delle Nazioni Unite 2030, che nel preambolo dichiara: “Siamo determinati a fare i passi audaci e trasformativi che sono urgentemente necessari per portare il mondo sulla strada della sostenibilità e della resilienza. Nell’intraprendere questo viaggio collettivo, promettiamo che nessuno verrà trascurato.” E ancora: “Ci impegniamo a promuovere la comprensione interculturale, la tolleranza, il rispetto reciproco, insieme a un’etica di cittadinanza globale e di responsabilità condivisa. Prendiamo atto della diversità naturale e culturale del mondo, e riconosciamo che tutte le culture e le civiltà possono contribuire a, e sono attori fondamentali per, lo sviluppo sostenibile.”

L’impegno dell’Unione Europea di implementare con determinazione l’agenda delle Nazioni Unite 2030 rafforza gli obbiettivi del forum da un punto di vista europeo.

In primo piano nel summit c’è il ruolo centrale dell’impresa. La presenza di Confindustria come partner del Forum sottolinea l’impegno del sistema imprenditoriale italiano di incrementare e migliorare il dialogo già esistente tra attori sociali nazionali e internazionali, al fine di dare voce e risposte alle prioritarie istanze della società globalizzata.

Il Sustainable Economy Forum è un’opportunità per evidenziare tematiche specifiche e attuali direttamente correlate al bene pubblico. Speaker con diversi background, profili ed esperienze affronteranno argomenti fondamentali sia per il mondo di oggi sia per le generazioni future come i sistemi di welfare, l’empowerment delle donne, la trasformazione digitale, la vivibilità urbana, il ruolo essenziale della cultura, i nuovi modelli bancari, il raggiungimento del benessere, etc.

In linea con il resoconto finale del G7 di Taormina 2017, la cooperazione internazionale è il modo migliore per supportare la stabilità, la sicurezza, la pace e lo sviluppo sostenibile in Africa. Come afferma la Sintesi del Presidente del G7 sulla Sessione di sensibilizzazione sull’Africa: “La stabilità dell’Africa richiede risposte efficaci, con il sostegno attivo e continuativo della comunità internazionale, alle sfide prioritarie della sicurezza alimentare e della nutrizione, della sanità pubblica, della mobilità umana, dell’istruzione di qualità, della protezione dell’ambiente e dell’accesso all’energia sostenibile. (…)

Si è affermato che l’innovazione e lo sviluppo del capitale umano possono essere potenti volani dello sviluppo sostenibile e inclusivo in Africa”. In questo quadro, il ruolo degli investimenti sia pubblici sia privati e quello dei sistemi imprenditoriali sono cruciali per promuovere la crescita inclusiva e sostenibile nel continente.